"La DONNA nel CUORE delle DONNE" - Il femminile nel sentiero della consapevolezza

Carissima donna,

il cerchio tutto al femminile che si crea quando ci incontriamo all'interno del progetto "La Donna nel Cuore delle Donne", rappresenta la forza di coesione, l'unità inconscia che ci lega le une alle altre e che lega tutte noi a madre natura e all'universo che ci circonda.

Ogni volta che ci incontriamo attiviamo questa forza, questa sorellanza che altro non è se non profondo legame che richiama la saggezza e l'intelligenza del femminile e ci dona un forte senso di appartenenza. Noi siamo donne, siamo amiche, ma ancora prima siamo sorelle, legate l'una all'altra.
E' difficile comprendere la forza delle donne quando si ritrovano assieme. Qualcuno diceva che hanno la stessa qualità delle gocce d'acqua che cadono sulla roccia e la modella: le donne incontrandosi possono scavare valli tra le montagne. Il grande valore dello stare insieme  sta nel prendersi cura l'una delle altre, nell'ascoltarsi, sostenersi, esserci, per noi stesse e per l'altra.
E via via qualcosa nelle nostre vite si trasforma....

E' proprio partendo da questi presupposti che abbiamo pensato di realizzare momenti e spazi di incontro tutti al femminile dove trovare  le amiche e le sorelle che pensiamo di non avere e dove ritrovare la gioia e la fierezza di essere donna.

Desideriamo creare un tempo e un luogo di sorellanza dove ognuna di noi può trovare sostegno e accoglienza, dove sperimentiamo l'incontro vero e profondo con le altre donne, sperimentiamo l'ascolto e la possibilità di esprimerci senza necessariamente usare le parole.

Danzeremo, useremo l'argilla, ci prenderemo cura l'una dell'altra.

È un'occasione per imparare a condividere, sentire che siamo tutte collegate da un sottilissimo filo e che i passi di una singola donna sono i passi di tutte noi.

 

La nascita di un SOGNO

Questo lavoro sul femminile è nato da un sogno.

Il sogno di una società dove ci sia pace e amore, dove le differenze siano una risorsa e non un limite, dove uomo e donna, bambini ed anziani, etnie diverse, possano vivere assieme in armonia.

Una società dove cessino le violenze e le devastazioni di ogni genere che mettono a repentaglio la sopravvivenza della Terra.

 

Come realizzare il SOGNO?

Perché il sogno si possa realizzare è necessario trovare nuove strategie, nuovi modelli di comportamento capaci di proteggere con fermezza ma improntati, come dice Jean Shinoda Bolen (psicoanalista e docente di psichiatria c/o la University of California), all'empatia e alla tutela.

Strategie e modelli che da sempre appartengono all'universo femminile e che oggi rappresentano una reale possibilità di salvezza per l'essere umano e per la terra che ci ospita.

Sono sempre di più i pensatori, gli studiosi che oggi riconoscono l'importanza del "potere" femminile; quel "potere sottile" di cui ci parla Hillman (filosofo americano) nel suo "Forme di potere".

«E' il potere di sostenere certi valori; la capacità di portare in sé un seme sino a farlo fiorire. Il prendersi cura della continuità, sostenere gli ideali e i valori, nutrire ogni cosa di cui si è responsabili affinché possa fiorire, talvolta a costo di sminuire sé stessi. Nasce una nuova visione dell'esercizio del potere basato sul prendersi cura, che sostiene un potenziale innato in ciascuna persona: operare al fine di liberare i potenziali innati di ognuno. »

Ne "Il banchiere dei poveri" Muhammad Yunus (bengalese laureato in economia, fondatore della Grameen Bank, premio Nobel per la pace) ci dà testimonianza concreta di ciò che le donne possono portare in una comunità. «...le donne si adattano meglio e più rapidamente degli uomini al processo di autoassistenza. Sono più attente, si preoccupano di costruire un futuro migliore per i figli, dimostrano maggiore costanza nel lavoro. Il denaro affidato a una donna per la gestione familiare rende più di quando passa per le mani dell'uomo...»

 

"POTERE": termine che spesso spaventa

Oggi comunemente poniamo "POTERE = DOMINARE"

Ma Potere, dal latino "posse" (potis esse) è "ESSERE CAPACE".

Dunque la capacità di agire, di fare, di essere.

La semplice potenza, la potenzialità: non il fare ma la capacità di fare.

"Potere", che sembra essere il tema centrale dell'uomo, può avere due volti: può essere benefico o distruttivo. Ma il potere di per sé, è neutro, è l'uso del potere che lo porta in linee contrapposte.

 

Ma la donna è consapevole del suo "Potere"?

Mai come oggi le immagini che ci vengono date della donna sono legate a stereotipi di efficienza, competizione, bellezza, etc.

Tutte immagini che comprimono in  "doverismi" il proprio femminile profondo allontanando ogni donna dai sui contenuti più autentici.

Molto spesso le donne chiedono agli uomini un "conto" che non li riguarda, e nel comunicare e agire usano modelli di comportamento maschili con il risultato di un profondo disagio.

Il grande rischio che oggi la donna corre è quello che ha  a che fare con la personalità o la maschera che indossa, con il ruolo che riveste, o con lo sforzo di conformarsi alle aspettative degli altri, seppellendo così ciò che realmente prova o sente vero, rinnegando ciò che intimamente è davvero importante.

 

Come entrare in contatto con il proprio "Potere"?

"La Donna  nel  Cuore delle Donne" -  Progetto per il femminile nel sentiero della consapevolezza

Il  progetto "La Donna nel Cuore delle Donne" racchiude in sè un percorso di rivelazione ed espressione del femminile profondo attraverso una modalità non di contrasto e separazione con il maschile (come spesso nella storia delle donne è avvenuto con esiti spesso di disagio relazionale) ma di valorizzazione della differenza per favorire in un tempo successivo un incontro più armonioso tra le donne e gli uomini.

Il progetto intende rivolgersi alle donne e proporre loro un laboratorio, uno spazio sacro dove, grazie a musica, movimento ed emozioni, è possibile ri-contattare il proprio femminile profondo.

Attraverso il linguaggio del corpo le donne incontrano la loro parte autentica, riscoprono e danno valore ad una forma di apprendimento che dà priorità al "sentire" rispetto al "capire". Uno spazio e un tempo da consacrare a se stesse e da condividere con altre donne.

Il sentimento che ha generato questo progetto è quello che vede la donna finalmente consapevole di sé, della propria forza, della sua capacità di amore, di spiritualità profonda, di visione;  una donna capace di andare verso l'altro conscia della propria ricchezza.

 

"Io imprenditrice ... non imprenditore" -  Progetto per il femminile in azienda

Il corso ha lo scopo di portare in azienda il valore del principio femminile.

Obiettivi:

- Acquisire consapevolezza del principio femminile e del principio maschile

- Riconoscere i talenti legati alla propria identità sessuata e portarli in azienda

- Acquisire consapevolezza della propria ricchezza

- Riconoscersi, attingere a risorse nuove e scoprire l'immenso potere che abita all'interno di ogni donna

- Creare una attività che riconosce i valori del principio femminile

- Creare ricchezza per sè e per l'altro secondo una modalità di integrazione e non di separazione

·  

"La Donna nel Cuore delle Donne" ..... un Viaggio tra gli archetipi

"Quando mia figlia crescerà le racconterò delle dee. Le parlerò di Era, la regina del potere terreno, colei che protegge i riti matrimoniali. Di Artemide, l'amazzone, e del suo amore per la natura. Poi di Athena, ispiratrice del vivere civile, della sua intelligenza sottile ereditata dal mondo paterno. E anche di Afrodite, la dea dal corpo sacro, guida celeste della passione e delle arti. Infine le parlerò di Demetra, la madre terra fertile e benefica, e di Persefone, signora delle tenebre misteriose, con i suoi sogni di morte e di trasformazione. Conoscere le loro storie l'aiuterà a diventare donna. Le chiederò di non immedesimarsi in una in particolare perché potrebbe essere fonte di dolori inimmaginabili. Deve conoscerle tutte quante e riconoscere in ognuna una parte di sé. Non deve diventare una dea vulnerabile come sua madre, che è esistita solo nella dimensione del vincolo".

Marcela Serrano - "Antigua, vita mia"

Con questo progetto si propone un viaggio archetipico all'interno di ogni donna, alla scoperta delle diverse "forze" che la determinano, delle innumerevoli forme del femminile che la animano, il cui fluire dona creatività, magia e consapevolezza. Mentre alcune forme si manifestano frequentemente nella vita quotidiana e creano la nostra identità, altre si nascondono, a volte ostacolandoci nella realizzazione dei nostri desideri. Sono sette i principali "volti" del femminile che saranno descritti e approfonditi durante il percorso. Ogni archetipo è mosso e animato da un'energia particolare, che può essere attivata o attenuata, a seconda che sia in difetto o in eccesso. Solo così si possono conquistare e mantenere l'equilibrio e l'armonia tra le diverse "forze" che costituiscono l'universo femminile. Sarà possibile, inoltre, riconoscersi e riconoscere le proprie potenzialità, attingere a risorse nuove e scoprire l'immenso potere che abita all'interno di ogni donna.